Serie A: Parma-Juventus

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

In campo Parma-Juventus  LIVE 

 Niente Parma per Paulo Dybala: la rifinitura è stata fatale per l’argentino, che proprio durante l’ultimo allenamento prima della partenza per l’Emilia-Romagna ha accusato un affaticamento muscolare alla gamba destra. In attacco, dunque, verranno confermati Ronaldo e Morata, anche se è la retroguardia che sta dando maggiori soddisfazioni ad Andrea Pirlo. “La difesa si sta compattando così come tutta la squadra, là dietro abbiamo trovato gli automatismi e i giusti meccanismi e su quel lato sono tranquillo” le parole che il tecnico utilizza per promuovere l’operato di De Ligt e soci. Proprio con il ritorno dell’olandese si sono visti i principali miglioramenti, uno dei migliori in campo della sfida contro l’Atalanta avendo annullato Zapata prima e Muriel. Quella partita, però, ancora non è andata giù all’allenatore bianconero: “Ho ancora un po’ di rabbia e mi è rimasto qualche rammarico – ha aggiunto ai microfoni di Juventus Tv – perché avevamo giocato una buona partita contro una grande squadra e non abbiamo sfruttato al meglio le occasioni create”. Il riferimento non può che essere il rigore fallito da Ronaldo e, soprattutto, il clamoroso colpo di tacco a porta vuota di Morata, un episodio che aveva fatto infuriare Pirlo. Anche a Parma il tandem d’attacco sarà formato dal portoghese e dallo spagnolo, con CR7 che vuole voltare pagina dopo la delusione per non aver trionfato nel FIFA The Best, finito a Robert Lewandowski: la sua reazione è diventata virale, sul suo volto tutta la rabbia per non essere stato eletto come migliore del mondo. “Stiamo progredendo nelle varie zone del campo e stiamo crescendo nel complesso, ma soprattutto negli inserimenti da metà campo – l’analisi di Pirlo dopo le recenti reti di McKennie e Chiesa – perché dobbiamo attaccare la profondità con i centrocampisti quando gli attaccanti vengono incontro ed escono dalla marcatura avversaria: è un movimento che stiamo facendo bene”.


Fonte originale: Leggi ora la fonte