Serie A: Atalanta-Roma, rottura con Gomez

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

 “L’allenatore, in condivisione con la Società, ha deciso di non convocare per scelta tecnica il calciatore Alejandro Papu Gomez”. Una scarna nota sul sito ufficiale per la rottura definitiva. “Parliamo di calcio. La nostra attenzione deve rivolgersi solo alla Roma, dopo aver affrontato in modo convincente Ajax, Fiorentina e Juventus”. La vigilia dell’Atalanta, cominciata con la conferenza stampa senza cenni sull’esclusione del Papu Gomez da parte di Gian Piero Gasperini, si è conclusa con la sorpresa dopo le cinque del pomeriggio preannunciata da Sky. E dire che mercoledì sera il numero 10 da 6 anni a questa parte era subentrato con la Juventus a Pessina, l’arma tattica sulla trequarti che lo sta escludendo dal ruolo prediletto di tuttocampista. Qualche avvisaglia della decisione, sull’onda lunga della lite contro il Midtjylland, col rifiuto del leader di allargarsi a destra, nelle parole del tecnico si poteva trovare: “Anzianità, appartenenza e partite giocate determinano la fascia al braccio.
    Non è capitano solo quello che la porta: Toloi, Freuler e De Roon per me sono sullo stesso piano. E’ fondamentale avere più giocatori di riferimento per la società, la squadra, lo spogliatoio e l’allenatore”. Indizio numero due: “Speriamo di recuperare Pasalic, non chiedo interventi alla società. A gennaio al massimo si fa la conta di chi è contento di restare – ha rimarcato Gasperini -. Di Maehle non so che dire, oggi abbiamo la testa alla Roma e al Bologna. Girano molti nomi, ha senso parlare solo con l’ufficialità”. Se glissa sul fuoriclasse in rotta e non si pronuncia sull’esterno in arrivo, il tecnico ritrova Ilicic, che rientra dopo due match proprio al posto del separato in casa: “Si allena in gruppo da venerdì, calcia forte e bene, ha superato il problema influenzale. Per Ruggeri ci vorranno due settimane, anche Caldara e Pasalic li rivedremo in campo nell’anno nuovo”. Capitolo giallorossi: “Troviamo una squadra di qualità in ottima condizione, che fa tanti gol e ha trovato il passo giusto. Fonseca ha fatto un gran lavoro, sta facendo meglio della scorsa stagione: è una delle big del campionato in un momento dove sono in tante in pochi punti – l’opinione dei Gasperini -. Dopo la scoppola col Liverpool per noi era fondamentale escogitare soluzioni: prendiamo pochi gol, magari dobbiamo farne di più. Le nostre prestazioni non sono sempre state valorizzate: penso allo 0-0 con lo Spezia e lo 0-2 col Verona, solo perché non abbiamo realizzato. Anche alla Juve abbiamo regalato qualche occasione”.
    “600 partite da presidente di Antonio Percassi? E’ un grande traguardo. Cresciuto nella squadra, grande imprenditore, grande presidente. Gliene auguro altre 6 mila…”, conclude Gasperini.


Fonte originale: Leggi ora la fonte