ROMAGNA. Attenzione alla raccolta dei funghi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

 

 

Adoperare la massima attenzione quando si mangiano funghi spontanei raccolti, anche nella preparazione e nella modalità di consumo. La raccomandazione vale sempre, e non solo per le specie tossiche, ma anche per quelle non velenose. Ne sanno qualcosa sei residenti in Romagna (3 a Rimini, 1 a Cattolica, 1 a Ravenna e 1 a Forlì), che per aver consumato funghi non ben cotti o ben conservati, o a seguito di intolleranza a tale prodotto, hanno avuto problemi di salute abbastanza seri. Dopo il pasto infatti, sono stati colti da vomito e dissenteria molto forti, e tre di loro sono purtroppo dovuti ricorrere alle cure ospedaliere. “Abbiamo cercato di identificare i funghi che avevano mangiato – racconta il dottor Silvio Cantori, Coordinatore dell’Ispettorato micologico dell’Ausl Romagna – e non sembravano essere specie ad alto grado di tossicità. Però in due casi vi è stato il consumo del prodotto non ben cotto, mentre in un altro si è trattato forse di una intolleranza. Cogliamo però l’occasione per ribadire che i funghi sono un alimento particolare e che richiede molta prudenza. In questo periodo vi è una produzione importante di funghi, e quindi raccomandiamo sempre di portare a controllare quello che si raccoglie presso il nostro sportello”. Le relative modalità sono riportate nell’allegato documento nonchè al sito dell’Ausl Romagna al seguente link: https://www.auslromagna.it/servizi/servizi-alfabetico/schede-informative/524-funghi-dove-controllare La prudenza però non deve fermarsi qui: “I funghi spontanei vanno consumati in quantità adeguata – conclude Cantori – soprattutto nei bambini e anziani. Ed è sempre consigliabile cuocerli adeguatamente e verificare se non si ha una intolleranza”.

  • Lascia un commento