RAVENNA. Situazione di emergenza nelle case di riposo per anziani, apre un “Cra-Covid”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

 

Oggi, venerdì 23 ottobre, sei su dieci vittime del Covid sono degenti delle Cra. E’ ciò che afferma l’assessore regionale alla Sanità Raffaele Donini durante la consueta diretta settimanale Facebook per fare il punto della situazione dal Centro di riferimento regionale per le emergenze microbiologiche (Crrem) del Policlinico Sant’Orsola-Malpighi. Presente anche la professoressa Maria Carla Re.

“C’è qualche focolaio nelle case per anziani – conferma Donini – per questo sono in azione tutte le nostre task force. Stiamo facendo tamponi a tappeto nelle Cra, offrendo le cure adeguate e procedendo agli isolamenti per circoscrivere il prima possibile questi focolai: deve essere la priorità perché quando il virus entra in una casa di riposo è molto più letale”.

Inoltre ribadisce l’assessore “in arrivo per le Cra ci sono anche tamponi rapidi per la diagnosi veloce, in modo che si possano riprendere le visite dei familiari dei degenti”.

“L’Emilia-Romagna è al centro di una ondata epidemica molto severa e importante. Non importa più se siamo in una situazione più strutturata rispetto ad altre – ha aggiunto – Probabilmente ci saranno ancora incontri tra il presidente Bonaccini, le Regioni e il Governo per discutere altre misure di contenimento, ma intanto quelle che ci sono vanno fatte rispettare”. Ha poi sottolineato che la Regione sta “favorendo lo smart working nella pubblica amministrazione e raccomandandolo alle imprese”.

“E a Ravenna a breve aprirà un “Cra-Covid”: ad annunciarlo, venerdì pomeriggio, è stata l’assessore forlivese al welfare Rosaria Tassinari, durante una commissione consiliare. “Nelle case di riposo per anziani, Cra, e nei centri per disabili – spiega l’assessore – il monitoraggio è costante. Al momento si registra un caso alla Pietro Zangheri (casa di riposo forlivese, ndr), già alla ribalta nella prima fase di diffusione del Covid-19, isolato, ricoverato in ospedale e poi nella Cra-Covid di Bellaria-Igea Marina, struttura alla quale se ne affiancherà un’altra a Ravenna. Mentre tutte le strutture hanno presentato il proprio piano operativo sui quali è in corso la valutazione dall’Ausl Romagna”.

 
  • Lascia un commento