RAVENNA. Posticipato al 31 marzo il termine per il pagamento della Tari 2020

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

 

Come anticipato nei giorni scorsi, il Comune di Ravenna consentirà il pagamento della Tari dovuta per il 2020 da parte di cittadini e imprese anche oltre il 31 dicembre, data inizialmente prevista per il pagamento della tassa, quest’anno in una soluzione unica, e precisamente entro il 31 marzo 2021, senza aggravio di oneri aggiuntivi.

Lo ha deliberato oggi la giunta, riunita in videoconferenza, confermando quanto appunto anticipato nei giorni scorsi, quando è stato annunciato lo stanziamento di 1,5 milioni di euro a favore delle imprese particolarmente colpite dalla crisi in virtù del decreto della presidenza del Consiglio dei ministri del 24 ottobre, un milione dei quali si tradurranno in contributi a fondo perduto assegnati attraverso un apposito bando. I restanti fondi andranno a potenziare quelli della Regione e della Camera di Commercio sui consorzi fidi, finalizzati all’abbattimento dei costi di istruttoria e degli interessi per il credito alle imprese e a realizzare una campagna provinciale di valorizzazione degli acquisti sul territorio. Tali somme si aggiungono ai cinque milioni stanziati l’estate scorsa per ridurre il pagamento della Tari da parte delle imprese e ad altre forme di aiuto e sostegno alle realtà sportive e culturali, che portano finora l’impegno complessivo del Comune nei confronti delle categorie imprenditoriali definite a vario titolo intorno ai sette milioni di euro.

“Quando – dichiara il sindaco Michele de Pascale – quest’estate abbiamo stanziato cinque milioni di euro per l’abbattimento della Tari, su un totale di circa dodici relativo alle utenze non domestiche, con riduzioni che arriveranno al 70% per talune categorie di attività (tra queste alberghi, bar e ristoranti) e anche all’80% (ad esempio per cinema e discoteche), abbiamo previsto che il pagamento non dovesse più avvenire in tre rate, come gli scorsi anni, ma in un’unica soluzione a dicembre. È evidente che le condizioni attuali rendono molto gravoso il rispetto di tale scadenza. Per questo motivo, confermando l’emissione della rata a dicembre, differiamo il pagamento al 31 marzo 2021. È solo un esempio di tutto quello che come amministrazione comunale stiamo continuando e continueremo a fare per essere concretamente vicini ai cittadini e alle imprese in questa situazione di crisi, che non risparmia nessuno. È evidente che servano misure ulteriori e strutturali, da parte di tutti i livelli istituzionali, ma l’Amministrazione sta facendo e continuerà a fare tutto quanto è nelle sue facoltà a favore dei propri concittadini”.

Oltre al pagamento della Tari, saranno differiti al 31 marzo anche i termini per la presentazione a Ravenna Entrate delle domande per l’erogazione dei contributi per il rimborso dei tributi Tari e Addizionale Irpef ai cittadini in condizioni disagiate, in quanto tali domande non potrebbero essere istruite prima della scadenza del termine definitivo di pagamento della Tari stessa.

  • Lascia un commento