Ravenna. La cultura come antidoto control la violenza sulle donne

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

In occasione della giornata internazionale contro la violenza alle donne, che si celebra il 25 novembre, Ravenna propone due mesi di appuntamenti, dal 24 ottobre al 15 dicembre.

Gli appuntamenti prevedono incontri, arte, cinema, teatro, musica e libri, distribuiti in vari luoghi della città, per promuovere la cultura del rispetto e dei diritti delle donne contro ogni forma di discriminazione.

Il cartellone di eventi è promosso dall’ assessorato alle Politiche e cultura di genere, guidato dall’ assessora Ouidad Bakkali, in collaborazione con Villaggio globale, che fa da capofila a numerose altre associazioni, cooperative sociali e istituzioni locali.

“Siamo alla sesta edizione – afferma l’assessora Bakkali – che si presenta con un calendario particolarmente denso di appuntamenti, reso possibile grazie all’impegno di tante realtà cittadine, che offrono punti di vista e nuovi strumenti culturali e che costituiscono una testimonianza di volontà e tenacia per l’affermazione della piena parità dei generi e del rispetto tra gli stessi. Purtroppo il periodo non favorisce gli incontri e le relazioni dirette ma ce la metteremo tutta per garantire la continuità degli appuntamenti, nel rispetto delle normative anti-covid, affinché nulla possa fermare il nostro progetto di affermazione di un forte No ad ogni tipo di discriminazione e di violenza”.

Il tema delle relazioni tra i generi sarà affrontato sotto molteplici aspetti e linguaggi, anche giuridici e sociologici, prevedendo incontri, laboratori teatrali, musica, con il coinvolgimento delle scuole e dei giovani.

A seguito dell’ emergenza sanitaria il primo degli eventi, quello previsto per domani alla Classense sulla presentazione del libro “RivoluzioneZ”,  è stato annullato e rimandato a data da destinarsi, molti eventi saranno in diretta facebook o in modalità webinar e sullo svolgimento di altri, inizialmente previsti in presenza, si darà comunicazione di volta in volta a seconda se sarà possibile trasferirli o meno su piattaforme online.

Materiale audio-visivo sarà trasmesso in sequenza ripetuta attraverso monitor presso alcuni luoghi della città, per stimolare riflessioni e mantenere viva l’attenzione sulla condizione delle donne.

Per gli eventi on line, per prenotarsi e conoscere eventuali modifiche della programmazione collegate alla emergenza sanitaria, è necessario consultare la pagina facebook “Una società per relazioni”.

 

Le associazioni e realtà cittadine coinvolte:

Mama’club, Lions Club Dante Alighieri, 8 Marzo Donne di Porto Fuori, Asia Lacjs, Psicologia Urbana e Creativa, Linea Rosa, Circolo Arci Dock 61, Circolo Arci Gay Ravenna, UDI Ravenna, Libra cooperativa sociale, Danzarte a.s.d, Libere Donne Casa delle Donne, Femminile Maschile Plurale, Fidapa, Ditutticolori, Soroptimist International Club, Quelli della recita, Unicef, Dalla parte dei minori, Muoviti, Cnai Ravenna, Cooperativa Sociale Villaggio globale, CittAttiva. Gruppo donne una panchina per elisa, UNIBO, PsicheDigitale, CPO Consiglio Avvocate/i, Lady Godiva Teatro, Le Oltraggiose, CIF, Panathlon, Pallavicini 22, Spazio Agorà di Lido Adriano.20-10-23 locandina Una società per relazioni 20-10-23 manifesto A3 Una società per relazioni 20-10-23 manifesto Una società per relazioni

  • Lascia un commento