Ravenna. Erano in 80 in un casolare ma ai carabinieri spiegano che si trattava di un corso di formazione

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Rischiano multe salate le 80 persone che domenica scorsa sono state pizzicate dai carabinieri in un casolare di Godo e che ai militari hanno spiegato di essere lì per un corso di formazione. Il proprietario della cascina è un esponente del Movimento 3v e questo ha subito fatto pensare che quello non fosse un corso di formazione ma un incontro di persone contrarie ai vaccini. Ora spetterà ai carabinieri accertare la verità. Frattanto sul sito di Movimento 3v è stato pubblicato questo post:

Domenica scorsa, 10 gennaio, un’ottantina di persone hanno preso parte ad un incontro di formazione che si è svolto presso una struttura di Godo di Russi, regolarmente affittata per girare dei video.
Il fatto che il titolare della struttura che ha ospitato l’evento faccia parte del Movimento 3V nulla ha a che fare con i temi trattati all’incontro, né con le persone che vi hanno partecipato.
Oltretutto, per inciso, né il 3V, né i convenuti a tale riunione si dichiarano negazionisti.
Rimane sempre lo sconcerto su come i giornali “vivano” di titoli inneggianti all’odio e ai rapporti faziosi.
Il Consiglio Nazionale di M3V si riserva di agire per vie legali contro questo genere d’informazione imprecisa e allusiva, che spesso risulta fuorviante, e sempre monodirezionale.
  • Lascia un commento