RAVENNA. Approvata all’unanimità la delibera sulla manifestazione di volontà per l’affidamento in concessione dell’immobile “Porta Adriana” in via Cavour

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

 

Nella seduta di ieri (per chi volesse rivederla http://bit.ly/archivio-sedute-cc ) il consiglio comunale ha approvato la delibera con oggetto “Manifestazione di volontà per l’affidamento in concessione di valorizzazione dell’immobile di proprietà comunale denominato Porta Adriana e negozi annessi sito in via Cavour a Ravenna”.

La delibera è stata approvata all’unanimità dei 30 consiglieri presenti.
Ha illustrato il documento Massimo Cameliani, assessore al Patrimonio, che ha fatto presente trattarsi del primo passo verso la predisposizione e la pubblicazione del bando per la concessione di durata ventennale a privati dell’immobile di Porta Adriana per l’insediamento di attività economiche e commerciali, nel pieno rispetto e valorizzazione culturale dell’identità storica dell’edificio.

Il concessionario dovrà condividere gli obiettivi del progetto di recupero e valorizzazione già predisposto e munito dei fondamentali pareri della Soprintendenza e dell’Azienda sanitaria.

Per quanto riguarda gli aspetti economici, i contenuti del progetto e le sue peculiarità collegarsi al link http://bit.ly/valorizzazioneportaAdriana

Sono intervenuti nel dibattito: Alberto Ancarani (Forza Italia), Cinzia Valbonesi (Pd), Daniele Perini (Ama Ravenna), Learco Vittorio Tavoni (Lega nord).

Il gruppo Forza Italia ha affermato di ritenere necessaria e utile la valorizzazione di un bene identitario, definendolo “il primo vero baluardo della città storica”, ma ritenendo di essere in forte ritardo e facendo presente che sarebbe auspicabile una durata ultraventennale della concessione per consentire maggiori opportunità all’investimento del concessionario.

Il gruppo Pd ha sostenuto la validità e l’importanza dell’operazione che si somma ad altre dello stesso tipo realizzate e da realizzare da parte dell’amministrazione, in grado di rendere Ravenna  sempre più accogliente; ha evidenziato le peculiarità del progetto di valorizzazione in ordine agli aspetti non solo economici e commerciali ma anche culturali con positivi riflessi sui giovani e soprattutto sugli studenti universitari.

Il gruppo Ama Ravenna ha rivolto elogi all’assessore Cameliani per l’ottimo lavoro svolto affermando di ritenere i tempi più che adeguati alla complessità di un obiettivo che vede al centro la ristrutturazione e la rifunzionalizzazione di un edificio storico molto importante per l’identità culturale di Ravenna.

Il gruppo Lega nord ha sostenuto di essere pienamente concorde sulla necessità di ristrutturare e valorizzare adeguatamente un edificio dalla notevole importanza storica, auspicando una durata della concessione superiore ai venti anni e chiedendo maggiori dettagli in ordine ai lavori e al computo metrico.

  • Lascia un commento