Ramallah: le ‘scarpe di protesta’ contro Macron e Trump

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

(ANSAmed) – TEL AVIV, 01 NOV – Un calzolaio di Ramallah
(Cisgiordania) ha avviato in questi giorni una battaglia
personale nei confronti presidente francese Emmanuel Macron
colpevole, a suo avviso, di aver pronunciato “espressioni
razziste a danno dell’Islam”. L’ingresso ai cittadini francesi
nel suo negozio – ha precisato Imad Muhammad con un cartello
vistoso in arabo, inglese e francese, esposto all’ ingresso – è
condizionato ad una loro precisa dissociazione dalla politica
del loro presidente. Similmente i cittadini statunitensi che
desiderino fare acquisti da lui dovranno condannare la “sporca
politica” del presidente Trump “che ha arrecato così tante
sofferenze al popolo palestinese”. Ai cittadini britannici
chiede invece scuse per la Dichiarazione Balfour del 1917 su un ‘focolare nazionale’ per gli ebrei in Palestina.
    Mentre nei Territori proseguono le manifestazioni contro la
Francia, Imad Mohammad ha compiuto un ulteriore passo di
protesta e ha tracciato in caratteri arabi i nomi di Macron e di
Trump sulle sue scarpe di pelle. “Tanto più si sporcano, tanto
più viene infangata la figura di costoro” ha spiegato ai media
locali. Il prezzo è 200 shekel, l’equivalente di 50 euro.
    (ANSAmed).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte