Poesia: Prete vince settima edizione premio Vittorio Bodini

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Antonio Prete con “Tutto è sempre ora” (Einaudi) è il vincitore della settima edizione del Premio internazionale di poesia Vittorio Bodini. L’annuncio ufficiale è arrivato in diretta streaming dalla voce di Anna Dolfi, nota italianista e presidente della giuria, sabato 19 dicembre, cinquantesimo anniversario della morte del poeta, scrittore, traduttore e saggista leccese. In attesa della cerimonia di consegna del Premio, che si terrà nella primavera/estate del 2021 sul tema “Carta poetica del Sud. Viaggio nella poesia meridionale”, con la direzione artistica di Simone Giorgino e Davide Barletti, il Centro Studi Vittorio Bodini, in collaborazione con Regione Puglia e Polo BiblioMuseale di Lecce, ha organizzato infatti un’anteprima web dalla Biblioteca Nicola Bernardini del Convitto Palmieri di Lecce.
    Coordinato dallo scrittore e conduttore radiofonico Carlo D’Amicis, l’incontro si è aperto con gli interventi di Luigi De Luca (direttore del Polo BiblioMuseale di Lecce) e Fabiana Cicirillo (assessora alla Cultura del Comune di Lecce). A seguire il professore Antonio Lucio Giannone (docente di Letteratura italiana contemporanea dell’Università del Salento, direttore scientifico del Centro studi e direttore della collana “Bodiniana” edita da Besa-Muci) ha presentato il volume “Allargare il gioco”, con una selezione di “Scritti critici (1941-1970)” del poeta e traduttore salentino, appena uscito per BesaMuci. “Bodini non era un critico di professione”, ha sottolineato Giannone. “Egli riflette sulla funzione della letteratura, in un momento storico importante, quale quello del dopoguerra, un’epoca di forte crisi e ricostruzione”. Il professore ha sottolineato anche la visione cosmopolita della cultura di Bodini e il suo rapporto di amore e odio con la città di Lecce, da cui scappa, per poi tornare.
    Subito dopo Valentina Bodini, figlia del poeta, in qualità di Presidente del Centro Studi, ha conferito allo stesso Giannone il premio speciale “La luna dei Borboni”. Un significativo riconoscimento per salutare la lunga e prestigiosa carriera accademica di un uomo che da oltre quarant’anni si dedica con passione e impegno all’approfondimento critico e alla divulgazione dell’opera di Bodini. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte