Perù: Fujimori,’mi batto per la libertà contro il comunismo’

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Keiko Fujimori, candidata di ‘Fuerza popular’ nel ballottaggio presidenziale in Perù, ha sostenuto ieri a Lima che “il Perù è diventato l’epicentro di un confronto fra il comunismo e una economia libera. fra il controllo dei media e la libertà di espressione”.
    Spiegando in una conferenza con la stampa internazionale le ragioni dei ricorsi presentati alla giustizia elettorale per presunti “brogli dei seggi” commessi dai sostenitori del suo rivale Pedro Castillo di ‘Perú Libre’, Fujimori ha sottolineato che il suo duro confronto in corso “non è solo con Castillo, ma con il Partito comunista marxista-leninista ‘ Perú Libre'”.
    Il destino ha voluto, ha proseguito, che “il fujimorismo che 30 anni fa ha bloccato Sendero luminoso, oggi rappresenti tutti i peruviani nel tentativo di impedire che il Perù si converta in un Venezuela”.
    La figlia dell’ex presidente Alberto Fujimori ha quindi assicurato che “non si tratta di me, ma del fatto che in America latina il Perù è strategicamente e politicamente fondamentale, e perciò assistiamo a questo tentativo della sinistra internazionale di forzare una modifica della volontà popolare”.
    “Sono stata in prigione tre volte – ha poi ricordato – per oltre 16 mesi, lontana dalla mia famiglia. E questa esperienza così difficile mi ha dato la forza per dire alla sinistra radicale e al partito marxista-leninista ‘ Perú Libre’ che noi leveremo la nostra voce e che quello che vogliamo è che si rispetti la volontà popolare”.
    Dopo aver preso conoscenza dei risultati dello scrutinio organizzato dall’Ufficio nazionale dei processi elettorati (Onpe) che assegnavano la presidenza a Castillo, il partito ‘Fuerza popular’ ha annunciato la presentazione di 802 istanze di annullamento dei voti di altrettanti seggi. Ma alla fine il Tribunale nazionale elettorale (Jne) ne avrebbe accolte, secondo i media peruviani solo circa 200.
    Secondo l’Onpe, Castillo avrebbe ottenuto 8.830.647 voti (50,145%) e la rivale di destra Keiko Fujimori 8.779.709 (49,855%), con una differenza di 50.938 voti. 
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte