Non fate del male a Sunny … di Sergio Pizzolante

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print
Somane, somalo, sale sul filobus 11 a Riccione e arrivato a Rimini, colpisce e ferisce i controllori del bus, poi altre persone, una signora anziana, un bimbo di 5 anni, alla carotide. Il bimbo ha già subito due interventi chirurgici.
È un bimbo del Bangladesh, figlio di Tamin, dipendente modello di una grande e prestigiosa azienda riminese, che costruisce le facciate dei grattacieli più belli del mondo.
La Focchi SpA di Maurizio Focchi, conosciuto per il talento industriale e per l’impegno sociale.
Quella di Sunny, Tamin, Maurizio è una meravigliosa storia di integrazione, di passione, di lavoro, di impegno professionale, “il nostro è un lavoro di precisione, non è facile trovare lavoratori come Tamin”, dice Maurizio.
Ed è una storia riminese.
Dove Maurizio fonda una banca etica.
E quel bambino parla riminese, dice Andrea Gnassi, sindaco di Rimini.
Un pazzo, uno sicuramente disturbato, un violento, accoltella Sunny e anziché correre tutti ad abbracciare il bambino, e con lui la sua famiglia e le altre vittime di uno squilibrato, alcuni, un bel po’, sui social e non solo, trasformano Rimini in una sorta di Bronx senza sicurezza e controllo.
Rimini non è così.
Rimini è Sunny è Tamin è Maurizio.
In alcuni titoli di giornali, Somane non è un delinquente, è un immigrato, “immigrato accoltella”…
Perché nessuno ha titolato: “immigrato accoltellato”. Perché?
Sunny è in fin di vita e una massa di trogloditi colgono “l’occasione” per portarlo nella disputa politica per le elezioni riminesi.
L’accoltellatore è partito da Riccione, dove governa il centro destra, ha colpito a Rimini, dove governa il centro sinistra e la facciamo diventare una questione di destra o di sinistra.
Devastante.
Un’altra “occasione” per far prevalere gli istinti nostri peggiori.
Sunny, un giorno, starà meglio, starà bene, spero tanto, ma sarà sempre parte di una “categoria” negativa, sino a quando prevarranno questi istinti, sino a quando si continuerà a giudicare una persona non per quel che è, ma per il luogo in cui è nata.
Una massa, vasta, di trogloditi affamati di like continueranno a fargli male.
Loro non lo sanno, sono come Somane, sono come lui, “accoltellano” anche loro.
E più a lungo.
Sergio Pizzolante
  • Lascia un commento