Morta sul lavoro, 166 mila euro di risarcimento dell’Inail

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

(ANSA) – PRATO, 21 GEN – Ai familiari superstiti di Luana
D’Orazio, la giovane operaia morta il 3 maggio 2021 in un
incidente sul lavoro nell’azienda tessile in cui lavorava a
Montemurlo (Prato), spettano 166.000 euro di indennizzo da parte
dell’Inail. L’indennizzo è stato calcolato dall’istituto in base
alle sue tabelle. Secondo quanto si apprende, la somma del
risarcimento dell’Inail dovrebbe avere come solo beneficiario il
figlio di Luana, che ora ha 6 anni. Egli percepirà la somma non
tutta insieme ma nel corso del tempo, fino alla maggiore età.
    Nella fase della sua minore età il risarcimento, via via che
viene erogato, verrà amministrato dai tutori, i nonni materni.
    E’ invece in fase di calcolo il risarcimento dell’assicurazione
dell’azienda. Da parte sua, appena nei giorni scorsi, Luana
Coppini, l’imprenditrice tessile della ditta dove morì Luana
D’Orazio aveva chiesto alla propria compagnia di assicurazione
di risarcire il prima possibile i familiari di Luana. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte