Metromare, un altro passo avanti verso la terza tratta stazione di Riccione-Cattolica (Rn)

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

MetromareUn altro passo avanti per il Metromare, il sistema di Trasporto rapido costiero dell’Emilia-Romagna che velocizzerà, in modo sostenibile, gli spostamenti di pendolari e turisti lungo la Riviera.

La Giunta regionale ha approvato lo schema di Convenzione necessario per ottenere i 34 milioni di euro di finanziamenti statali previsti dalla legge di Bilancio 2019.
Serviranno per realizzare la terza tratta dell’opera che ora collega Rimini a Riccione e che proseguirà, con il nuovo investimento, fino a raggiungere Cattolica.
In tutto 3,8 chilometri di collegamento veloce, tecnologico ed ecosostenibile.

La convenzione tra Regione Emilia-Romagna, provincia di Rimini, società consortile a responsabilità limitata Patrimonio Mobilità provincia di Rimini – P.M.R. e i Comuni di Rimini, Cattolica e Misano Adriatico – capofila del progetto –consentirà di realizzare i lavori del primo stralcio – da Misano/zona Brasile a Cattolica/ Parco Le Navi – della terza tratta del sistema Trasporto rapido costiero, che collega la Stazione FS di Riccione a Cattolica.

Metromare, l’avanzamento dell’opera

Dopo la realizzazione della prima tratta, stazione di Rimini-stazione di Riccione, e il via libera al finanziamento della seconda, arrivato lo scorso aprile con il decreto del ministero dei Trasporti  per il collegamento tra la stazione di Rimini e la Fiera di Rimini, il nuovo tratto del sistema di Trasporto rapido costiero oggetto della richiesta di finanziamento, riguarda un percorso di 3,8 km che tocca i comuni di Misano Adriatico e Cattolica a partire dalla via Litoranea Nord in direzione sud e si dirama lungo la via del Mare, il viale della Stazione e la via Litoranea Sud fino a Corso Italia e al capolinea del Parco ‘Le Navi’. Sei le fermate intermedie previste sulla linea, su cui viaggeranno veicoli a trazione interamente elettrica.


Fonte originale: Leggi ora la fonte