Maltempo: 80 milioni di danni in Emilia-Romagna

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

(ANSA) – BOLOGNA, 19 DIC – È di circa 80 milioni (77 milioni
e 800mila euro) la prima stima dei danni al patrimonio pubblico
causati dal maltempo di inizio dicembre in tutta
l’Emilia-Romagna. L’elenco, concluso in meno di due settimane
dall’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la
Protezione civile, riguarda l’intero territorio e comprende
anche l’assistenza alla popolazione fornita nei giorni
dell’emergenza, in particolare nel modenese dopo l’esondazione
del Panaro del 6 dicembre e gli allagamenti nei territori di
Nonantola, Castelfranco Emilia, Modena e Campogalliano.
    In tutto si tratta di 1.290 segnalazioni che interessano
tutte e nove le province dell’Emilia-Romagna e che dettagliano i
danneggiamenti causati dalle piogge straordinarie a strade
statali, provinciali e comunali, sottopassi, ponti, argini,
piste ciclabili, telecomunicazioni, impianti fognari e di
depurazione, arenili, edifici. La relazione è stata firmata dal
presidente della Regione Stefano Bonaccini e trasmessa al
governo a completamento della richiesta dello stato di emergenza
nazionale.
    “Ora – dice – dobbiamo accelerare per riportare in condizioni
di sicurezza il territorio, aprendo subito i cantieri dove
necessario, e per risarcire i cittadini e le imprese che hanno
visto danneggiate le proprie case e i luoghi di lavoro con
l’obiettivo di non lasciare indietro nessuno. Anche per questo
chiediamo al Governo di riconoscere lo stato nazionale
d’emergenza nel più breve tempo possibile: occorre dare risposte
rapide ai cittadini e alle comunità colpite”.
    Partita anche la raccolta per le segnalazioni dei danni da
parte di privati – comprese le associazioni – e imprese. La
Regione ha inoltrato, martedì scorso, a tutti i Comuni
interessati le schede. Due le scadenze: il 12 gennaio per le
imprese, il 22 per i privati.. Questa ricognizione servirà a
stabilire una prima stima dei danni. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte