Lotta al Covid coi satelliti Esa, focus su Reggio Emilia

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Il territorio della provincia di Reggio Emilia sarà studiato per determinare fattori di rischio e tendenze evolutive del Covid-19 nel medio-lungo periodo. È l’obiettivo del progetto Epico19 dell’Agenzia spaziale europea (Esa) che coinvolge igienisti del dipartimento di Scienze biomediche, metaboliche e neuroscienze dell’Università di Modena e Reggio Emilia in consorzio con due start-up, la milanese TerrAria specializzata nella gestione di dati ambientali e la ravennate StudioMapp, che gestisce immagini satellitari ad altissima definizione e di georeferenziazione. Collaborerà anche l’Azienda sanitaria locale di Reggio Emilia.

Epico19 è uno dei 24 progetti approvati da Esa dopo il bando emesso la scorsa primavera ‘Spazio in risposta all’epidemia di Covid-19’ che punta a dimostrare il vantaggio fornito dall’utilizzo di tecnologie satellitari nella lotta al nuovo coronavirus e alla pandemia.

Il progetto di ricerca che riguarderà direttamente la provincia emiliana punta a studiare la distribuzione geografica dell’epidemia in un ambito territoriale definito, i suoi fattori di rischio demografici e ambientali, come la mobilità e l’inquinamento ambientale, rilevati attraverso i sensori satellitari, nonché le sue tendenze evolutive nel medio-lungo periodo. Compito del consorzio è valutare come le risorse satellitari del sistema Copernicus di Esa e della sua rete di satelliti Sentinel possano contribuire a studiare, contenere e prevedere l’evoluzione attuale e futura dell’infezione da Sars-CoV-2 e della patologia Covid-19 ad essa associata.


Fonte originale: Leggi ora la fonte