Lockdown: dai tre colori all’Italia in zona rossa?

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Peggio di un lockdown totale c’è solo un lockdown esteso su tutto il territorio nazionale, con le stesse limitazioni da Bolzano a Reggio Calabria. Il principio del nuovo Dpcm di individuare aree diverse è quindi condivisibile. E già avrebbe dovuto essere nella primavera scorsa, quando, preso dall’emergenza, e anche per la verità da una parte dell’opposizione che gridava “chiudete tutto”, il governo bloccò tutto il paese, quando allora i contagi erano estesi quasi esclusivamente al Nord.

Bene quindi il ravvedimento sul principio: ogni area, non solo ogni regione, ha una sua propria specificità. Male invece tutto il resto. Malissimo che a decidere se una regione da gialla diventa arancione e rossa siano, quasi con un automatismo, il ministero della salute e il Cts. Di questi signori, di Speranza e degli scienziati e medici di regime, non ci fidiamo per nulla. Sappiamo che loro vogliono il lockdown duro e puro, ovunque, non so, forse ricorda loro l’amata Ddr. Quindi non vorremmo che nel giro di breve tempo tutte le zone d’Italia diventino rosse, e si arrivi al lockdown graduale, instillato volta per volta. Altrimenti perché escludere le regioni, che a parole sono le prime interlocutrici? Non solo: la decisione di chiudere in casa le persone e di limitarne le libertà costituzionali non può essere demandata ad automatismi e a calcoli, peraltro su dati discutibili, in mano a quattro tecnici nominati dal governo. La tecnocrazia e la sanitocrazia che ci schiacciano.


Fonte originale: Leggi ora la fonte