Kaufmann a Bologna, ‘felice di tornare qui’

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

(ANSA) – BOLOGNA, 23 OTT – “Sono davvero molto felice di
tornare a Bologna, anche se in questo periodo terribile delle
nostre vite. Amo la città e apprezzo moltissimo gli sforzi fatti
dal Teatro Comunale per approntare rapidamente un nuovo spazio
adatto ad offrire musica, arte, bellezza e quindi anche sollievo
psicologico ai cittadini, perché anche nelle guerre peggiori i
teatri sono sempre rimasti aperti e hanno sempre svolto la
funzione sociale essenziale di distrarre i cittadini dalle
miserie che vivevano quotidianamente, di innalzare gli animi ad
un orizzonte superiore per continuare a vivere”. Con queste
parole Jonas Kaufmann, il tenore forse più importante del dopo
Pavarotti e sicuramente il più desiderato dai direttori
artistici dei teatri di tutto il mondo, si è presentato a
Bologna dove il 25 novembre terrà un recital nel nuovo spazio
del Paladozza per la stagione del Teatro Comunale.
    A Bologna Kaufmann aveva cantato solo nel giugno del 2005
diretto, e forse in parte oscurato, dalla stella di Claudio
Abbado nel Requiem di Mozart. Questa volta torna da protagonista
assoluto in una serata di gala dedicata al grande repertorio
operistico italiano e internazionale per l’attesissimo debutto
con l’Orchestra del Comunale diretta dall’israeliano Asher
Fisch. Evento preceduto da una masterclass con gli della Scuola
dell’Opera del TCBO.
    “Sono da sempre un grande fan di Bologna e della sua cultura
culinaria, che apprezzo da anni. – ha detto il celebre tenore –
Vengo spesso in forma privata per godermela in tranquillità. E
anche questa volta approfitterò del concerto per ritagliarmi dei
momenti per me stesso in questa bellissima città”.
    Al suo fianco non ci sarà Anita Rachvelishvili, come
annunciato, ma la mezzosoprano francese Clémentine Margaine, per
la prima volta a Bologna. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte