In Italia torna la zona rossa. “A rischio alto 12 Regioni”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Si riparte con la danza dei colori. Oltre la metà delle Regioni è a rischio arancione o addirittura rosso se si guarda all’indice di trasmissione Rt, ovvero al numero dei contagi. Le nuove regole suggerite dagli esperti e accolte dal ministro della Salute, Roberto Speranza, prevedono un passaggio automatico in arancione con Rt pari o superiore 1 e in rosso con 1,25. E l’ultimo report settimanale dell’Istituto Superiore di Sanità disponibile, come sottolineato dal ministro Speranza, mostra che «l’epidemia è nuovamente in una fase espansiva, 12 Regioni e province autonome sono ad alto rischio, otto sono a rischio moderato di cui due in progressione a rischio alto e una sola Regione è a rischio basso». Ovvero 12 Regioni a rischio arancione o addirittura sulla soglia del rosso come la Lombardia.

Questi dati saranno aggiornati nel report di domani ma intanto sappiamo che su 14 giorni l’Emilia Romagna si attesta a 1,07; il Friuli Venezia Giulia a 1 con un’incidenza di 205 positivi per 100mila abitanti. E ancora Lazio a 0.99 ma con un range che sale fino a 1.22; Liguria 1,06; Lombardia 1.22 con un range al picco comunque superiore a 1; Marche 0,98; Piemonte 0,93 con un range che sale a 1,12; Bolzano 0,91 con 231 positivi per 100mila abitanti; Trento 0,87 ma con un’ incidenza di 128 positivi per 100mila abitanti; Puglia, 1,03; Umbria 1; Veneto 1 ma con 454 positivi per 100mila abitanti. E poi ci sono il Molise e la Calabria che hanno una classificazione «moderata ma ad alto rischio di progressione a rischio alto». Si salverebbero soltanto la Toscana e la Val d’Aosta che comunque non entrerebbero in zona bianca, ma gialla.

Una situazione esplosiva che verrà confermata o modificata con i dati di domani, ma gli ultimi bollettini non lasciano spiragli all’ottimismo. È pur vero che nel corso di questi mesi, siamo oramai quasi a un anno dall’inizio della pandemia, è man mano diventato sempre più chiaro che la fotografia basata sui dati trasmessi dalle Regioni è sfocata e le cose non potranno che complicarsi con l’aggiunta dei tamponi rapidi antigenici nel conteggio anche se in un registro a parte. Le Regioni procedono in ordine sparso e seguono criteri diversi nella raccolta dei dati. Negli ultimi giorni il numero dei tamponi eseguito è irrisorio. Soltanto ieri è risalito a oltre 175mila, numero comunque insufficiente ai fini del controllo della curva epidemica. Ma così contemporaneamente è sceso il tasso di positività di nuovo sotto il 10%. Ma se allarghi la platea è ovvio che il numero dei positivi in percentuale scende. E allora dato che le ordinanze sul cambio dei colori arriveranno domani si potrebbe pensare che alcune Regioni gestiscano i dati in modo opportunistico.

Allora è bene guardare ai dati solidi che non lasciano scappatoie: ricoveri e ingressi nelle terapie intensive che ieri sono stati aggiornati dall’Agenas, Agenzia sanitaria per i servizi regionali. Qui non ci sono incertezze rispetto al fatto che ci troviamo in una situazione di emergenza: 10 Regioni hanno superato la soglia di sicurezza oltre la quale le strutture sanitarie vanno in saturazione, in crisi. Nel mirino dell’Agenas Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Lombardia, Marche, Puglia, Umbria, Veneto, Bolzano e Trento dove è stata superata la soglia limite del 30% sulla quale è ferma la Liguria. Ma tra queste Trento è addirittura al 48 per cento, l’Umbria al 43 e la Lombardia al 38.



Fonte originale: Leggi ora la fonte