Immuni: Università Padova, possibili attacchi finte notifiche

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

La app Immuni per il tracciamento dei contatti da Covid, come quelle promosse in Svizzera e Francia, è vulnerabile agli attacchi di tipo “relay” attraverso i quali i cittadini potrebbero ricevere un avviso errato, anche doloso, in merito a un contatto con un positivo al Coronavirus.
    A scoprirlo è stato il gruppo di ricerca “Security and Privacy Research Group” (Spritz) dell’Università di Padova, coordinato dal docente Mauro Conti assieme ai collaboratori Eleonora Losiouk e Marco Casagrande.
    “Attraverso questi attacchi – afferma Conti – i cittadini potrebbero ricevere un avviso errato o volutamente falso.
    Conseguenze di questo attacco potrebbero essere forzare qualcuno alla quarantena; avere una scusa per stare in quarantena; sovraccaricare significativamente il Sistema sanitario nazionale attraverso la richiesta di tamponi ‘inutili'”.
    Per prevenire questi attacchi, il gruppo ‘Spritz’ ha proposto una soluzione e sviluppato il prototipo di una app, dal nome “ImmuniGuard” che previene gli attacchi relay, garantendo lo stesso livello di privacy di Immuni, da utilizzare insieme a essa per renderla più sicura. Il progetto, con paper e video dimostrativo, si trova nel sito del gruppo di ricerca (spritz.math.unipd.it/projects/immuniguard). (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte