Il sogno azzurro per Milano 2021: Forza Italia pensa a Veronesi jr

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Era partita come una riunione sulla situazione di una regione, la Lombardia, stretta nella morsa di un lockdown progressivo. C’erano tutti i vertici azzurri che operano su Milano e al Pirellone collegati via telematica con Berlusconi e con gli altri membri del Coordinamento nazionale e ovviamente con Massimiliano Salini, coordinatore azzurro per la Lombardia. Si è parlato, però, anche delle prossime amministrative e dai dirigenti locali è arrivata una richiesta ben precisa al presidente azzurro: Forza Italia deve proporre un candidato di prestigio. Preso dalla società civile, di spessore e capace di raccogliere consensi trasversali. Insomma la base dirigenziale del partito chiede di ripetere gli exploit di Letizia Moratti e di Gabriele Albertini. Per il dopo-Sala, potrebbe spuntare una figura di alto profilo magari pescato dal mondo delle professioni. E si sono già fatti nei giorni scorsi alcuni nomi di prestigio. Primo fra tutti quello del rettore del Politecnico di Milano, Ferruccio Resta. Si è parlato anche del figlio di Umberto Veronesi, Marco. Medico come il padre e impegnato da tempo nella fondazione che porta il nome del celebre oncologo. Berlusconi ha risposto ai suoi che già la prossima settimana è in agenda un nuovo incontro con gli alleati per discutere delle candidature. Come per Roma, Torino e Napoli, anche per Milano – ha spiegato il leader azzurro ai suoi – servirà una figura fuori dai partiti. «Non sarà uno di Forza Italia. Sarà l’espressione di un accordo preciso e forte con i nostri alleati – ha detto -. Preso dalla società civile e fuori dal mondo politico. Ma di alto profilo e sul quale possa trovarsi la massima convergenza».

Nelle stesse ore Forza Italia porta avanti con successo il confronto con le categorie produttive per individuare su Milano e area metropolitana le maggiori criticità dal punto di vista economico. «Lavoriamo a un programma di conservazione e di rilancio dell’economia milanese insieme con parlamentari, eletti in Regione, in Comune e nei Municipi. Stiamo confrontandoci con le categorie produttive e il mondo del lavoro – ha ricordato Cristina Rossello, Commissario FI di Milano che coordina le linee del programma di Milano Grande Città. – Berlusconi ci sta dando una mano. Quanto lui ami la sua città è ben noto. Abbiamo già ascoltato Confcommercio e Confesercenti, il settore immobiliare con Aspesi e Assoedilizia. Da ultimo ci siamo dedicati ai tassisti». Previsti nella prossima settimana incontri con Assimpredil, Assolombarda e Artigiani. «Dagli incontri – hanno assicurato i due consiglieri azzurri a Palazzo Marino, Fabrizio De Pasquale e Alessandro De Chirico – uscirà un programma di cose realizzabili per la prossima Giunta in cui Forza Italia sarà protagonista».



Fonte originale: Leggi ora la fonte