Il governo supera la prova in Parlamento sulla Nadef

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Il governo supera la prova del Parlamentare sulla Nota di aggiornamento del Def e sullo scostamento di bilancio. Al Senato i documenti passano rispettivamente con 165 e 164 sì sui 161 necessari. Alla Camera 325 voti a favore della Nadef.

“Una grande prova della maggioranza”, dice Conte. Nella risoluzione, la richiesta di più risorse per scuola e sanità. Il cantiere manovra affronta il capitolo pensioni: pronta una norma per sterilizzare l’effetto del calo del Pil dovuto al Covid. Saranno prorogata inoltre l’Ape social e l’opzione donna mentre si studia l’inserimento di una norma per l’uscita anticipata verso la pensione con Quota 41 anche per i lavoratori ‘fragili’.

Catalfo, sgravi contributi per assunzioni giovani – “In un mercato del lavoro in rapida trasformazione a causa del virus, va stimolato il ricambio occupazionale” facilitando “l’ingresso dei giovani” e agevolando “l’uscita dei lavoratori più anziani. In questa ottica, la mia intenzione è di proporre” per la manovra “uno sgravio contributivo per l’assunzione dei giovani, allargare la platea del contratto di espansione (riducendo il requisito dimensionale delle imprese da 1.000 a 500 ai fini dell’accesso), introdurre un meccanismo di staffetta generazionale, rinnovare Ape sociale – allargando la platea dei beneficiari anche a chi non ha percepito la NASpI – e prorogare Opzione Donna”. Lo scrive su Fb il ministro del Lavoro Nunzia Catalfo, spiegando che nel pacchetto ci sarà anche “il pieno riconoscimento della copertura previdenziale ai lavoratori in part-time verticale”.

 


Fonte originale: Leggi ora la fonte