Green economy, 2.600 studenti al torneo online sullo sviluppo sostenibile: quattro le scuole vincitrici

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Formazione. studenti, computerGiochi a squadre e un concorso di idee per scoprire come la Regione Emilia-Romagna, con i Fondi europei, investe sul futuro dei ragazzi e sulla sostenibilità. Si può riassumere così il torneo online sulla green economy P.E.R. gioco, promosso dalla Regione in collaborazione con l’Ufficio scolastico regionale, a cui hanno partecipato 2.638 studenti delle scuole superiori di ogni provincia dell’Emilia-Romagna. Sono 119 le classi che hanno partecipato alla prima parte della sfida, aperta all’inizio di dicembre.

Quattro squadre si sono giocate la finalissima che si è svolta il 17 dicembre. La vittoria è andata alla classe 2B CAT (Costruzioni Ambiente Territorio) dell’Istituto Tecnico Garibaldi – Da Vinci di Cesena. Seconda classificata la classe 4C del Liceo Matilde di Canossa di Reggio Emilia, al terzo posto la 5F dell’Istituto di Istruzione Superiore Antonio Meucci di Carpi (MO) e infine la 3P del Liceo Serpieri di Rimini. Durante la cerimonia di premiazione di venerdì 18 dicembre sono stati assegnati i premi: alla prima classificata è stato consegnato un buono da mille euro da utilizzare per materiale didattico. A tutti gli alunni delle quattro classi finaliste saranno consegnati gli zainetti realizzati dalla Cooperativa Gomito a gomito, laboratorio sartoriale, nato da un corso finanziato dal Fondo sociale europeo per le persone svantaggiate, in cui lavorano donne detenute nella sezione femminile della Casa Circondariale Dozza di Bologna.

La sfida sulla sostenibilità non finisce qui, ma prosegue a gennaio 2021 con il concorso di idee, riservato alle scuole che già hanno partecipato alla gara P.E.R. Gioco,che prevede un’attività creativa di ricerca-azione in cui è richiesta la produzione di un elaborato – video, infografica, presentazione multimediale – dedicato a uno o più progetti realizzati nel proprio territorio grazie ai Fondi europei della Regione Emilia-Romagna – Por Fesr 2014-2020.

Tutti gli elaborati prodotti saranno valutati da una commissione regionale, appositamente costituita, che assegnerà un ulteriore premio per l’acquisto di materiale didattico per la scuola che risulterà vincitrice. I migliori elaborati saranno pubblicati sul sito dedicato al progetto, in cui sarà visibile anche il video registrato durante la sfida finale.


Fonte originale: Leggi ora la fonte