Governo: Conte esclude l’appoggio esterno. Draghi a Colle: ‘Si va avanti’

Il premier Mario Draghi, nel colloquio di oggi al Quirinale, avrebbe confermato al presidente Sergio Mattarella l’impegno ad andare avanti con il governo. Secondo quanto si è appreso, nell’incontro di ieri al Quirinale Giuseppe Conte ha escluso l’uscita del Movimento Cinque Stelle dal governo per passare a un appoggio esterno.

“Quello visto in questi giorni è uno spettacolo indecoroso. Un teatrino che stanno facendo due forze politiche in un momento storico delicato, mentre si stanno decidendo cose importanti anche per l’Italia. Con Insieme per il Futuro abbiamo fatto una scelta di maturità rispetto ad atteggiamenti che non sono più condivisibili e sostenibili”. Così il ministro Luigi Di Maio, fondatore dei gruppi parlamentari di ‘Insieme per il futuro’, durante l’assemblea congiunta. “La nostra azione sarà duplice: in parlamento per stabilizzare il governo così da sterilizzare i colpi di testa di alcune forze politiche e sul territorio, dove continueremo ad aggregare con programmazione e visione a lungo termine. Questo serve e dobbiamo essere umili, guardiamo anche all’esterno. Umiltà, responsabilità e professionalità. Così affronteremo le sfide che ci attendono”. Così il ministro Di Maio, fondatore dei gruppi parlamentari di ‘Insieme per il futuro’, durante l’assemblea congiunta. 

Intanto cresce il pressing degli iscritti e dei deputati e senatori M5s su Giuseppe Conte per uscire dal governo e mantenere eventualmente l’appoggio esterno. Lo si sottolinea in ambienti qualificati del M5s che, tra l’altro, non vedono all’orizzonte faccia a faccia tra il leader pentastellato ed il premier Mario Draghi. 


Fonte originale: Leggi ora la fonte