Europa League: Napoli si gioca la qualificazione

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

(ANSA) – ROMA, 09 DIC – Tre italiane in Europa League, due
delle quali con il pass già in tasca per il prossimo turno, e la
terza molto vicina.
    Il Napoli si gioca in 90 minuti l’accesso ai 16mi di Europa
League. Gli azzurri ospitano la Real Sociedad, già sconfitta
all’andata, e hanno 2 risultati su 3 per staccare il pass
qualificazione. Secondo gli esperti di Sisal Matchpoint, la
squadra di Gattuso passerà, vincendo: il segno 1 è infatti a
1.98, il successo ospite invece vale 3.60 e il pareggio, che
andrebbe comunque bene ai campani, è a 3.70. Fiducia a Gattuso
anche dagli scommettitori: l’80% ha infatti puntato sulla
vittoria dei partenopei. Qualificazione praticamente certa
dunque, a un rasoterra 1.16, ma il Napoli può puntare anche al
primo posto nel gruppo dove è favorito a 1.75 contro il 3.25
degli spagnoli e il 4.50 dell’Az Alkmaar.
    Saldamente primo in Serie A, il Milan crede ancora di poter
conquistare il primato anche nel Gruppo H di Europa League. I
rossoneri si sono già qualificati con una giornata di anticipo
ai 16mi ma, vincendo con lo Sparta Praga nell’ultima gara della
fase a gironi, e in caso di non vittoria del Lille con il
Celtic, potrebbero passare come primi. La squadra di Pioli è
favorita, a 1.55, il successo dei cechi sale a 5.25 mentre il
pareggio è a 4.10. Il Milan è invece dietro al Lille per il
primo posto nel Gruppo, che vale 2.50 per i rossoneri contro
l’1.48 dei francesi. Ampio turnover in casa rossonera, davanti
Rebic farà da unica punta e la sua rete è data a 2.50. Tutto
tranquillo in casa Roma che, già qualificata come prima del
Gruppo A, affrontare il CSKA Sofia già eliminato. Giallorossi
in discesa, a 1.72, i bulgari non hanno mai vinto nella
competizione, il primo successo è a 4.10, il segno X si gioca a
3.90. Sicuri della vittoria romanista anche gli scommettitori, 9
su 10 hanno scelto il segno 2 nel match. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte