Dpcm: Sibilia, “Grave fermare calcio di base e giovani”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

(ANSA) – ROMA, 18 OTT – “Dalle informazioni parziali che
abbiamo il nuovo DPCM avrebbe confermato i nostri timori – ha
dichiarato il presidente della Lega Nazionale Dilettanti Cosimo
Sibilia – Perché se da un lato sembrerebbe garantita la
prosecuzione dell’attività dilettantistica a livello nazionale e
regionale, non possiamo dire lo stesso per quella provinciale e
giovanile. Se così fosse siamo preoccupati perché impedire lo
sport soprattutto a bambini e ragazzi equivale a creare un forte
squilibrio tra una socialità organizzata e quella
disorganizzata, quella che porterà migliaia di giovani a vivere
il proprio tempo libero senza regole e senza responsabilità, a
differenza di ciò che avrebbero potuto garantire le società
sportive dilettantistiche che hanno investito risorse e mezzi
per consentire la ripresa in sicurezza delle attività sportive”.
    “Trovo grave ha concluso Sibilia – considerare lo sport
un’attività non essenziale, come anche non aver cercato un
confronto con chi organizza e gestisce lo sport di base nel
nostro Paese”. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte