Crisi: per economia bolognese prevista perdita 3,5 miliardi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Una perdita di 3,5 miliardi di euro: è quanto prevede Prometeia per l’economia dell’area metropolitana bolognese, rivedendo leggermente al rialzo le stime sull’andamento per l’anno in corso, a fronte dei 3,7 miliardi stimati a luglio.
    “Le imprese si trovano a vivere una situazione impensabile.
    Stanno elaborando i budget 2021 nella più assoluta incertezza.
    La battaglia contro gli effetti della pandemia si può combattere solo con un patto forte fra rappresentanti delle imprese e dei lavoratori”, dice il presidente della Camera di commercio di Bologna Valerio Veronesi, parlando di un patto “che abbia al centro innovazione e formazione”. Per Veronesi “il dibattito pubblico non può essere fermo solo attorno alla parola movida.
    Dobbiamo dimostrare ai giovani che siamo capaci, nonostante il momento, di dar loro la possibilità di costruire un futuro a Bologna”.
    Guardando ai numeri, la flessione del pil bolognese si confermerebbe di poco inferiore al valore regionale (-9,9%) e in linea con il calo nazionale (-9,6%). E la crescita prevista per il prossimo biennio (+6,7% nel 2021 e +3,1% nel 2022), sottolinea la Camera di commercio, non sarebbe sufficiente per recuperare quanto perso: nel 2022 mancherebbero ancora 225 milioni per tornare ai livelli del valore aggiunto 2019. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte