Covid: Temussi (Ats), età media ricoverati Sardegna è 33,7 anni

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

(ANSA) – CAGLIARI, 21 LUG – L’Ats Sardegna riorganizza i
servizi e gli assetti per combattere la battaglia contro il
Covid 19 alla luce dei nuovi dati che vedono una crescita dei
casi, come nel resto d’Italia, ma una bassa ospedalizzazione dei
positivi. Lo spiega all’ANSA il commissario straordinario
Ares-Ats Massimo Temussi. “La situazione nei reparti è sotto
controlli e il numero dei ricoveri è più basso di quello reale
per due motivi principali: il primo è che si è abbassata l’età
media dei pazienti con sintomi che sono lievi, che è passata da
46 a 33,7 anni ed è in continua discesa. la seconda ragione –
aggiunge – è che questi pazienti giovani restano in ospedale per
un periodo breve e poi vengono rimandati a casa per seguire la
terapia farmacologica. Per questo abbiamo aumentato i posti di
osservazione breve che diventano 25 e sono stati dimessi 14
ricoverati”. Nel frattempo scade giovedì il termine ultimo e
perentorio dato da Ats ai circa 300 operatori sanitari che
ancora non si sono vaccinati: “se venerdì non ci saranno
riscontri alle nostre richieste, partiranno i provvedimenti del
caso”.
    Temussi infine annuncia che nei prossimi giorni ci sarà
un’ispezione di una delegazione della struttura commissariale
che sarà nell’Isola per verificare gli investimenti fatti con
il Dm 34 e per discutere della possibilità di farne altri nei
presidi ospedalieri”. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte