Covid: ristoratori lombardi, coprifuoco è la morte

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

(ANSA) – MILANO, 20 OTT – Una cinquantina di ristoratori
lombardi questo pomeriggio si sono trovati sotto il Palazzo
della Regione Lombardia per dire che il coprifuoco alle 23 è “la
morte” e per chiedere alla politica di venire incontro al
settore per garantire l’occupazione e non fallire.
    Tra i manifestanti, Paolo Polli: fu multato per il sit-in del
6 maggio all’Arco della Pace e fece lo sciopero della fame.
    Giovedì sera alle 23, quando dovrebbe scattare il coprifuoco,
Polli è intenzionato ad andare a protestare con altri colleghi a
Palazzo Marino e in Regione Lombardia.
    “Chiudere alle 23 e non alle 24 non ha senso – ha detto Polli
– è solo un modo per non rimborsare i ristoratori, mentre
dovrebbero fare ronde e controllare la movida, lasciando che
l’economia vada avanti”. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte