Covid, Oms: ‘3,3 milioni di casi in 7 giorni, metà in Europa’

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

La scorsa settimana sono stati segnalati oltre 3,3 milioni di nuovi casi di Covid-19 a livello globale. La metà dei nuovi contagi è stata registrata in Europa, dove si è assistito a un aumento del 22% rispetto alla settimana precedente. Lo certifica l’Oms nel suo rapporto settimanale sulla pandemia, basato sui dati ricevuti dai Paesi membri.

SVIZZERA – Ha superato la soglia dei 10.000 il numero di nuovi casi di Covid 19 in un solo in giorno registrato in Svizzera. Secondo i dati resi noti oggi dall’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), nelle ultime 24 ore in sono stati segnalati altri 10.043 nuovi contagi di Covid-19 e 72 ulteriori decessi. In tutta la Svizzera e nel vicino Liechtenstein i 36.369 tamponi realizzati nelle ultime 24 ore hanno avuto un tasso di positività del 27,70%.Dall’inizio della pandemia sono stati confermati 192.376 casi di infezione. Il numero totale dei decessi morti è salito a 2.275.

BELGIO – Per la prima volta da diverso tempo i contagi da coronavirus in Belgio sono diminuiti leggermente la scorsa settimana rispetto a quella precedente, anche se il loro numero è ancora molto alto. Lo rende noto il rapporto provvisorio dell’Istituto di sanità pubblica Sciensano, stando all’agenzia di stampa Belga. Tra il 25 e il 31 ottobre è stata registrata una media di 14.235,4 casi giornalieri, in calo del 4% rispetto ai 14.569,1 registrati durante la settimana precedente. Il trend positivo sembra essere confermato poiché il tasso di contagi si sta stabilizzando mentre i ricoveri sono in aumento, ma meno rapidamente, ha dichiarato Yves Van Laethem, portavoce interfederale per la lotta al Covid-19

DANIMARCA – La premier danese Mette Frederiksen e due terzi del suo governo sono stati costretti in isolamento a causa di un test positivo al Covid-19 del ministro della Giustizia e di diversi parlamentari. In totale, 13 dei 20 membri del governo del paese scandinavo si sono limitati al telelavoro. Il primo ministro, che venerdì ha partecipato a un incontro con il ministro della giustizia Nick Haekkerup, “attualmente non ha sintomi di Covid-19 e continua, per quanto possibile, il suo lavoro con incontri virtuali”, ha detto il suo ufficio in un comunicato stampa.

RUSSIA – Il numero di infezioni di coronavirus in Russia è aumentato di 19.768 casi nel corso dell’ultimo giorno, la cifra massima dall’inizio della pandemia. Il numero totale di casi è salito a 1.693.454, stando alla sede operativa per il controllo e il monitoraggio del virus. I morti sono invece 389 rispetto ai 355 del giorno scorso, raggiungendo un altro record. Un totale di 29.217 persone sono morte in Russia a causa del coronavirus. Lo riporta la Tass.

BULGARIA – In Bulgaria continuano i record assoluti per contagi e decessi da coronavirus. Nelle ultime 24 ore nel Paese balcanico, che conta circa 7 milioni di abitanti, si sono registrati 4.041 contagi pari a circa il 40% degli 11.066 test diagnostici effettuati. Il maggior numero delle persone contagiate si registra sempre nella capitale Sofia (circa due milioni di abitanti): 1612. Il totale dei contagi da inizio epidemia è ad oggi di 60.573. Da ieri sono stati segnalati 63 decessi e il numero complessivo delle vittime sale a 1.412. Il bilancio dei casi di infezione fra il personale medico sanitario è salito a 2.542. Attualmente vi sono 37.581 casi attivi in Bulgaria, mentre negli ospedali sono ricoverati 2.922 pazienti, 210 dei quali in terapia intensiva. Intanto da ieri le autorità greche hanno introdotto un cambiamento nel funzionamento del checkpoint di frontiera di Promahon al confine con la Bulgaria. Dalle 21:00 alle 5:00, i cittadini stranieri – a piedi, in auto e in autobus – non saranno ammessi in territorio greco attraverso il checkpoint. All’ingresso in Grecia in questo intervallo di tempo saranno ammessi solo i cittadini greci. I camion che trasportano merci passeranno come prima senza modifiche. La restrizione sarà in vigore fino al 17 novembre 2020.

BRASILE – Il Brasile ha raggiunto quota 160.548 vittime e 5.567.126 contagi per coronavirus tra lunedì e martedì: è quanto si apprende dagli ultimi dati delle segreterie sanitarie dei 27 governi statali, secondo cui nelle ultime 24 ore ci sono stati altri 276 morti. La media mobile degli ultimi sette giorni è stata di 367 morti, il 30% inferiore alla media precedente e la più bassa dal 28 aprile. Nel frattempo, nelle ultime 24 ore sono stati segnalati altri 13.748 nuovi casi di Covid-19, con una media mobile di 18.032, che è inferiore del 21% rispetto alla media registrata 14 giorni fa.
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte