Coronavirus: verso stop ristoranti a Natale-Santo Stefano

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Ristoranti chiusi a Natale e Santo Stefano. E’ la decisione verso cui si starebbe orientando il governo, nella riunione di Conte con i capi delegazione sul prossimo Dpcm. 

Nel nuovo dpcm resterà il coprifuoco dalle 22 alle 6 del mattino.

Ristoranti chiusi dalle 18 in zona gialla. E’ la misura che dovrebbe essere confermata dal nuovo dpcm con le misure anti contagio, a quanto emerge dal vertice in corso a Palazzo Chigi.

Resta lo stop ai ristoranti anche a pranzo nelle zone arancioni e rosse. 

Orari spalmati il più possibile lungo la giornata per i negozi, per evitare assembramenti a causa dello shopping natalizio. E’ l’orientamento che emerge dalla riunione dei capi delegazione con Conte in corso. I negozi in zona gialla potranno quindi restare aperti fino alle 21 o anche oltre, purché si rispetti il coprifuoco in vigore dalle 22 alle 6. 

Blocco della mobilità tra le Regioni, con l’esclusione della possibilità per i residenti di tornare a casa. E’ questa, a quanto si apprende, la regola di base che dovrebbe valere per le zone gialle nel prossimo dpcm, per limitare l’esodo natalizio. L’intesa di massima sarebbe stata raggiunta nella riunione di Conte con i capi delegazione ma una discussione sarebbe ancora aperta e si starebbero valutando deroghe per chi abbia il domicilio in una regione diversa da quella di residenza o per alcuni casi di ricongiungimento familiare. 
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte