Cisgiordania: Wafa, capitano Anp ‘giustiziato’ da Israele

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

(ANSAmed) – TEL AVIV, 04 NOV – (V. notizia delle 10.21) Il palestinese ucciso oggi da soldati israeliani al valico di
Huwara (Cisgiordania) era un capitano dei servizi di sicurezza
dell’Autorità nazionale palestinese, Billal Adnan Rawajbeh
(29anni), che è stato “giustiziato dai militari
dell’occupazione”. Lo sostiene la agenzia ufficiale palestinese
Wafa, che contesta così la ricostruzione fornita dall’esercito
israeliano.
    “Fonti locali e testimoni oculari – ha scritto la Wafa –
hanno affermato che i soldati dell’occupazione hanno sparato da
distanza ravvicinata contro il veicolo di Rawajbeh mentre stava
passando al check point”. Le stesse fonti, sempre secondo la
Wafa, hanno aggiunto che “le forze di occupazione hanno impedito
agli equipaggi di soccorso di raggiungere il veicolo dove si
trovava, e che di conseguenza è morto dissanguato”.
    In precedenza il portavoce militare israeliano aveva
affermato che un assalitore palestinese era stato “neutralizzato” dal fuoco di soldati, che avevano così “sventato
un attacco”. Secondo la versione israeliana, il palestinese era “armato di una pistola, con cui ha sparato verso i militari, ed
essi hanno risposto al fuoco”. (ANSAmed).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte