Champions: Gasperini, peccato non avere il pubblico

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

(ANSA) – BERGAMO, 26 OTT – “Mai avrei pensato di giocare
questa seconda Champions senza pubblico, ma la pandemia sta
togliendo tanto a tutti quanti noi”. Alla vigilia del match
contro l’Ajax, esordio ufficiale del Gewiss Stadium nella
massima competizione continentale, l’allenatore dell’Atalana
Gian Piero Gasperini (in videoconferenza da Zingonia) si
rammarica per il divieto al pubblico delle manifestazioni
sportive: “Resta comunque la soddisfazione di poterla disputare
a Bergamo dopo aver dovuto emigrare a Reggio Emilia e poi a San
Siro per le coppe”. I bergamaschi sono reduci da due sconfitte
consecutive in campionato: “Contro la Sampdoria dovevamo
superare una squadra racchiusa in difesa e col contropiede,
mentre questa sarà una partita molto più aperta, perché l’Ajax
attacca con molti più uomini e dovremo badare anche alla loro
forza d’urto”, precisa Gasperini. Che elogia gli avversari: “Dal
punto di vista tattico siamo completamente diversi. Loro sono un
laboratorio di soluzioni diverse e innovative in campionato, un
po’ meno in Champions dove il livello è più equilibrato. Come
società resta un mio punto di riferimento sotto l’aspetto delle
idee, perché ne propone di molto efficaci”. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte