Champions: CR7-gol non basta, United ko contro lo Young Boys

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

(ANSA) – ROMA, 14 SET – A Berna avviene quanto di più
clamoroso si possa immaginare nel calcio, non tanto per la
sconfitta subita dalla corazzata Manchester United (2-1), quanto
per le modalità. Cristiano Ronaldo aveva portato in vantaggio i ‘Red devils’ dopo soli 13′, ma nella ripresa gli svizzeri dello
Young Boys hanno ribaltato la situazione: prima con l’attaccante
camerunese Moumi Ngamaleu, quindi con lo statunitense
Theoson-Jordan Siebatcheu che, addirittura al 96′, ha regalato
una miracolosa vittoria ai ‘suoi’.
    Una vera beffa per CR7 e per la squadra di Ole Gunnar
Solskjaer nella partita d’esordio del Girone F della Champions
League, che poi è lo stesso dell’Atalanta (e del Villarreal).
    Ronaldo, a differenza di quanto è accaduto nell’ultimo turno di
Premier contro il Newcastle, questa volta è rimasto in campo per
72′, poi ha fatto spazio a Lingard. Un brutto esordio per lui
che aveva chiuso l’ultima esperienza in Champions con
l’eliminazione per mano dei connazionali del Porto quando ancora
indossava la maglia della Juventus.
    La nuova avventura nel massimo torneo europeo si apre,
quindi, con un tracollo sul campo di quella che è considerata la ‘Cenerentola’ del girone, ovvero lo Young Boys che, però, questa
sera è in vetta al girone con 3 punti. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte