Capri Hollywood premia La vita davanti a sé con Sophia Loren

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

A ‘La vita davanti a sé’ di Edoardo Ponti con Sophia Loren è stato assegnato il “Capri Humanitarian Award” di ‘Capri, Hollywood The International Film Festival’. La 25.ma edizione dell’evento che apre la stagione degli Awards si terrà in formula digitale dal 26 dicembre al 2 gennaio con circa 200 opere tra film, documentari e cortometraggi in visione gratuita su MyMovies, eventi ed incontri con le star sulle piattaforme social. ”La vita davanti a sé ” è un racconto di tolleranza, perdono e amore, come l’ha definito la sua stessa straordinaria protagonista, che in questo anno particolare ci è apparso ancor più prezioso – annuncia Tony Renis, presidente onorario del Festival – Edoardo Ponti ha creato un’opera importante capace di toccare il cuore agli spettatori di tutto il mondo, e grazie a lui l’immensa Sophia ci ha regalato un altro personaggio indimenticabile”. La Loren nel film è Madame Rosa, ex prostituta ebrea, che ospita bambini in difficoltà nelle sua casa a Bari: incontrerà così il dodicenne senegalese Momò (Ibrahima Gueye). Prodotto da Palomar e distribuito da Netflix, ‘La vita davanti a sé’, possibile protagonista agli Oscar ’21, è l’adattamento di un classico del 900 di Romain Gary (che già aveva ispirato un film da Oscar nel 1977 protagonista Simone Signoret) con soggetto dello stesso Ponti e di Ugo Chiti. Nella colonna sonora il singolo ‘Io si’ di Laura Pausini, composto da Diane Warren. Il Festival prodotto dall’associazione Istituto Capri nel mondo presieduta da Antonio Lorusso Petruzzi, è un ponte tra cinema italiano e Usa, (tra i risultati ottenuti i riconoscimenti di Hollywood a Lina Wertmuller). L’evento è realizzato con il sostegno del Mibact (Dg Cinema e Audiovisivo) e della Regione Campania, il patrocinio della Città di Capri, Comune di Anacapri, Croce Rossa Italiana, Nuovo Imaie e la partecipazione di Intesa Sanpaolo, Isaia, Pegaso Università Telematica e Terna. “Per le feste, vi aspettiamo quindi on line a #caprihollywood25. – invita Pascal Vicedomini, fondatore e produttore della manifestazione – Siamo orgogliosi di poter offrire a tutti otto giorni densissimi di grande cinema, incontri e premiazioni, da vivere insieme ai tanti amici dell’isola azzurra” Aprirà il festival la sezione ‘Tribute to Gianfranco Rosi’, inaugurata dal film designato dall’Italia per gli Oscars, “Notturno” e ‘Film europeo dell’anno’ a Capri. Tributi in programma anche per Paolo Sorrentino, Antonio Capuano, Donato Carrisi, Enrico Lucherini, Rainbow – Colorado Studios per l’animazione. In ‘A Digital Room With a View’ ampia scelta di cinema d’autore, dall’Italia e dal mondo (da Favolacce e Miss Marx a Waiting For The Barbarians con Mark Rylance e Jhonny Deep). La sezione Comedy Italian Style’ proporrà successi 2020, da Enrico Vanzina a Aldo Giovanni e Giacomo. In ‘Docu is Beautiful’, 14 opere su tematiche sociali (da ‘Fandango At The Wall’ di Varda Bar-Kar a ‘Fuori era Primavera di Salvatores) In questa sezione il ‘Documentario dell’anno ‘ è ‘Truffle Hunters di Michael Dweck e Gregory Kershaw dedicato ad Alba e i suoi tartufi. Nel “Capri Special Contest 2020’ (realizzato con The Artists Club Italia e Film Freeway) le opere selezionate tra 1600 autori da circa 90 paesi sono divise in “Working Authors” e “The Italian Job” (con tanti volti e autori noti come Haber, Marchioni, Minaccioni, Finocchiaro, Braucci). Su Instagram, Facebook, Youtube e su Zoom si svolgeranno i Forum dell’industria, i Simposi dello spettacolo con gli autori e i ‘faccia a faccia’.
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte