Calcio:Mihajlovic “contento per oggi,tanti giovani in campo”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

(ANSA) – GENOVA, 21 MAG – Aveva chiesto di riscattare
l’ultima sconfitta Sinisa Mihajlovic e i suoi giocatori lo hanno
preso in parola vincendo a Genova contro il Genoa. Una vittoria
importante soprattutto perché conquistata schierando in totale
ben sette giocatori “della generazione z” come ha sottolineato
lo stesso tecnico serbo.
    “Sono contento perché non è stato facile – le parole di
Mihajlovic – oggi abbiamo schierato sette giocatori della
generazione z, nati dopo il 2000 e non si è vista tutta questa
differenza. Quest’anno è mancato poco per arrivare a fare quello
che volevamo fare. Se avessimo conquistato tre vittorie avremmo
fatto il record di punti e saremmo finiti nella parte sinistra
ma per colpa nostra non ci siamo riusciti. Oggi però, ripeto,
non era facile perché il Genoa voleva vincere davanti a questo
meraviglioso pubblico e vorrei ringraziare anche i nostri tifosi
che sono venuti a sostenerci nonostante in palio non ci fosse
più nulla”.
    Ma il tecnico del Bologna è rimasto molto colpito dai tifosi di
casa che nonostante la retrocessione hanno cantato per tutta la
gara e oltre. ” Complimenti ai tifosi del Genoa – ha
sottolineato – non è roba che si vede tutti i giorni. Anche se
sono un po’ sampdoriano sono stati meravigliosi e hanno cantato
per 95′. Mi dispiace che scendano in serie B, spero risalgano il
prima possibile”.
    Per il Bologna il futuro è comunque roseo anche se Mihajlovic
non sa ancora se proseguirà. “Io lavoro come se dovessi rimanere
altri dieci anni ma anche come se dovessi andare via domani -ha
aggiunto – Bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto in questa
stagione? Conta quello che c’è nel bicchiere, si può fare sempre
meglio ma anche peggio. Il Bologna ha un futuro davanti con
tanti ragazzi giovani che cerchiamo di far giocare , è positivo
quando li puoi schierare ma se cadono in una buca ci vuole più
tempo per farli uscire. Alla fine però il gioco vale la
candela”. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte