Calcio: Libertadores; rissa e denunce, Boca nei guai in Brasile

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

(ANSA) – ROMA, 21 LUG – Un gol annullato per fuorigioco, poi
una rissa negli spogliatoi, un serrato interrogatorio in
commissariato e infine le denunce per otto tra giocatori e
accompagnatori. E’ stata una trasferta travagliata quella del
Boca Juniors nella brasiliana Belo Horizonte per una gara degli
ottavi di finale di Coppa Libertadores contro l’Atletico
Mineiro, giocata la scorsa notte. Il match è stato vinto ai 3-1
rigori dalla squadra di casa, un risultato che gli argentini,
cui era stato annullato un gol per fuorigioco dalla var, non
hanno gradito, dando sfogo alla rabbia prima contro gli oggetti
e poi nel confronto con il personale dello stadio, in una rissa
sedata solo dall’arrivo in forze dalla polizia.
    Cinque giocatori del Boca Junior, tra i quali l’ex difensore
del Manchester United Marcos Rojo, sono stati denunciati per
aggressione, lesioni personali e distruzione di proprietà
pubbliche. Secondo la polizia militare dello stato di Minas
Gerais, i cinque e tre altri componenti del gruppo del Boca sono
stati identificati come tra i responsabili dei disordini grazie
ai filmati di sicurezza allo stadio Mineirao, che sono diventati
virali sui siti brasiliani e argentini.
    Secondo l’ufficio stampa dell’Atletico, i giocatori del Boca
avrebbero fracassato tutto sul loro cammino verso gli
spogliatoi, gli agenti di sicurezza dello stadio hanno reagito
ed è scoppiata una rissa in cui sono stati lanciati vari
oggetti. La polizia ha sparato gas lacrimogeni per riportare la
calma, costringendo diversi membri della delegazione del Boca a
tornare in campo per respirare. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte