Borsa Milano peggiora ancora, -2%. Lo Spread tocca i 124,5, prima volta da novembre

Lo spread tra Btp e Bund si amplia ancora e tocca i 124,5 punti base per la prima volta da novembre scorso. Il rendimento del titolo decennale del Tesoro è in rialzo allo 0,74%.

La Borsa di Milano amplia il calo con il Ftse Mib in calo del 2% a 21.972 punti. Su Piazza Affari raffica di vendite per il comparto dell’energia e banche. Scivola Tenaris (-4%). Andamento negativo anche per Saipem (-3,3%) e Eni (-2,6%). Con lo spread tra Btp e Bund che sale a 214 punti, soffrono le banche con Unicredit (-3,2%), Banco Bpm (-3,3%), Intesa (-2,7%) e Bper (-2,3%). In rosso Stellantis (-2,9%) e Autogrill (-2%), quest’ultima alle prese con un aumento di capitale da 600 milioni di euro.

 Le Borse europee ampliano il calo con i timori di nuovi lockdown per contenere i contagi da coronavirus e gli effetti sull’andamento dell’economia. Sui listini del Vecchio continente pesa l’energia (-1,5%) con il prezzo del petrolio in calo. Sul fronte valutario è in lieve rialzo l’euro sul dollaro a 1,2180 a Londra. L’indice d’area stoxx 600 cede lo 0,9%. In calo Parigi e Madrid (-1%), Francoforte (-0,8%) e Londra (-0,5%). Scivolano le banche (-1,4%) con Sabadell (-3,2%), Societe Generale (-2,6%), Bnp Paribas (-2,4%). Male anche le auto (-1,7%) dove scivola Renault (-3,1%). In calo anche Daimler (-1,8%) e Volkswagen (-1,5%). Seduta in rosso anche per le compagnie aeree (-2,5%) dove soffronto Lufthansa (-2,7%) e Ryanair (-2%). Debole la farmaceutica (-0,1%) dove Bayer cede lo 0,9%, Sanofi (-0,2%) e Novartis (-0,1%)  


Fonte originale: Leggi ora la fonte