Borsa: Milano affonda, Ftse MIb -2,7%

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Sono bastati pochi minuti di negoziazione per far affondare l’indice di Piazza Affari. Il Ftse Mib cede il 2,7% spaventato, come tutti i listini in Europa da un nuovo lockdown per chiudere le porte al Covid. A Milano soffre Saipem dopo la trimestrale, sospesa in asta di volatilità quando ha perso oltre il 6%, ma anche Fca e Tim cedono oltre il 3%.

Di nuovo un tuffo in terreno negativo per gli indici delle Borse in Europa. La seduta si apre in calo per Londra (-1,54%), Parigi (-2,02%), Francoforte (-1,78%) e Madrid (-1,99%) e peggiora con il passare del tempo. Il mercato fa i conti con i nuovi blocchi alle attività, inclusa la Germania, per difendersi dal Covid. Venduti i ciclici mentre, come si era già visto a marzo, i beni di prima necessità vanno meglio. Auto, banche, energia guidano il declino per settore; cura della persona, bene cibo e bevande.

Apertura in rialzo per lo spread fra Btp e Bund tedesco. Il differenziale segna 136 punti contro i 132 della chiusura di ieri. Il rendimento del decennale italiano è pari allo 0,72%.

Borse in Asia in calo, sottopressione i settori finanza e IT. Tokyo lascia lo 0,29% , Hong Kong lo 0,4% mentre Shanghai inverte rotta sul finale e chiude in rialzo dello 0,8% con acquisti che gli operatori segnalano provenire dall’estero. I timori sulla diffusione del virus in Europa e Stati Uniti sono diffusi e sul fronte politico l’attenzione è puntata sulle elezioni presidenziali statunitensi della prossima settimana con un conseguente attendismo degli investitori.

   


Fonte originale: Leggi ora la fonte