Blue Whale: giudice, fenomeno spontaneo e di emulazione

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

(ANSA) – MILANO, 18 GIU – La ‘Blue Whale Challenge’, ossia la
sfida online in cui gli adolescenti devono affrontare 50 prove
estreme ordinate da ‘curatori’, “non pare avere i connotati di
una stabile associazione di persone realmente esistente, ma
sembra piuttosto atteggiarsi quale fenomeno sociale spontaneo
sviluppatosi per emulazione” Lo ha scritto il giudice di Milano
Angela Martone nelle motivazioni della sentenza con cui ha
condannato a 1 anno e mezzo di carcere, con l’aggravante
dell’essersi avvalsa “della forza intimidatrice derivante da
associazioni segrete”, una giovane accusata di aver costretto,
via social, una 12enne a gesti autolesionistici. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte